Guide fai da te

Consulta le nostre guide per creare il tuo coworking. ma prima vogliamo darvi dei consigli per un coworking di successo:

7 consigli per uno spazio di coworking di successo

Oggi, gli spazi di coworking sono soprattutto dove puoi o devi lavorare in modo indipendente. A partire dalle coste occidentali e orientali degli Stati Uniti, oltre un migliaio di spazi di coworking si sono aperti in dozzine di grandi città del mondo. Ma sebbene siano richiesti più posti di quelli offerti, non iniziano come corridori autonomi. Quali percorsi conducono al successo di uno spazio di coworking?

Uno dei criteri più importanti che gli spazi di coworking utilizzano per convincere i loro membri è soprattutto un prezzo basso. Dovrebbe essere molto inferiore a quello di un ufficio normalmente attrezzato. Questo è seguito da una buona accessibilità, locazioni flessibili, buone attrezzature di base e un’atmosfera lavorativa attraente nelle stanze. Ai colleghi che ricorrono frequentemente quindi piace essere in grado di aiutare a modellare il proprio spazio di lavoro.

Il posto

Per una buona accessibilità, molti spazi di coworking scelgono le posizioni del centro città che sono ben collegate con autobus o treni e sono situate nei quartieri alla moda, ma anche più economici: vicino ai loro gruppi target. Al fine di mantenere bassi gli affitti, solo alcuni di essi hanno grandi vetrine sulla strada. Molto più spesso viene scelta la strada per il cortile o per un piano superiore di vecchi uffici e edifici commerciali e con un ampio parcheggio.

La soglia di inibizione per i futuri clienti, in particolare gli spazi di co-working più veloci, sonle le sale orientate verso la strada. Attraversi un ingresso aperto con una vetrina o una zona caffè comunicante anziché porte chiuse, il che rende difficile vedere le stanze dietro.

Se viene trovato un posto adatto, di solito sono imminenti le trattative contrattuali più lunghe. Inoltre, se l’offerta e la domanda sono guidate dai prezzi, le discussioni si concentrano su garanzie sufficienti e sul concetto sostenibile dello spazio di coworking. Ciò che interessa alla maggior parte dei broker e dei proprietari. Perché dovrebbero essere in grado di affittare qualcuno meglio di noi?

Se vivi in ​​un paese che garantisce alti prezzi degli uffici attraverso svalutazioni e incentivi fiscali, devi evitare trattative dirette. Nelle negoziazioni sui prezzi, puoi girare anche leggermente in posizioni difficili da affittare. Solo i piccoli proprietari offrono maggiori possibilità di negoziazione. In caso contrario, chiedere sussidi agli investimenti per le camere o affitti più economici nella fase di avvio. Mantengono i prezzi di mercato per i proprietari e si ottiene ancora uno sconto. Anche gli spazi di coworking in collaborazione possono essere una soluzione all’inizio, ma richiedono molta persuasione.

L’attrezzatura

Per affari a buon mercato, la maggior parte degli spazi di coworking sono privi di costose impostazioni iniziali. Il capitale di avviamento li identifica invece con idee originali e ancor più spesso con un semplice lavoro manuale. Ad esempio, il London Cube ha riciclato vecchie tavole di legno per nuovi tavoli laccati bianchi, il Betahaus di Berlino utilizza blocchi di metallo sui pannelli di MDF e all’hub di Tel Aviv sono pannelli di fibra, che hanno imbullonato a pilastri di metallo. Anche i tavoli usati dal tavolo della cucina ai tavoli da ping-pong spesso sperimentano un risveglio in uno spazio di coworking. L’equipaggiamento tecnico delle stanze è ridotto ai dispositivi essenziali per il lavoro d’ufficio. I sistemi telefonici costosi in ogni luogo sono rari, perché i telefoni cellulari e la rete WLAN di solito sono sufficienti. I collegamenti elettrici a volte pendono dal soffitto. Per il caffè è di solito solo una macchinetta a cialde magare compostabili.

I Coworking Spaces, che offrono più di una semplice connessione Internet wireless con sedile, tavolo e bollitore, sono più interessanti per i clienti. Tuttavia, il successo dipende meno dal lusso che dai numerosi eventi consultivi e di intrattenimento organizzati o tenuti internamente per i membri. Workshop o cena insieme rafforzano i legami e la cooperazione produttiva tra i clienti. Allo stesso modo, il legame con lo spazio di coworking, che consente loro di farlo, sta crescendo.

A chi importa il denaro può offrire senza esitazione ai suoi membri anche macchine per caffè espresso e mobili da tavolo più raffinati, a condizione che gli investimenti non incidano sui prezzi inutilmente aumentati.

I prezzi

Oltre ai prezzi bassi consigliamo molti agli spazi di coworking, non un servizio da calcolare individualmente, ma in alcuni pacchetti di servizi e confort. Ciò li distingue chiaramente dai concetti di prezzo non trasparenti di molti centri commerciali. In casi estremi, offrono solo un prezzo mensile che include l’uso normale della stampante o del caffè. Un concetto con cui, ad esempio, LeBureau a Londra funziona molto bene.

Tuttavia, poiché molti lavoratori autonomi non possono o non vogliono impegnarsi quotidianamente in un determinato spazio, molti spazi di coworking offrono diversi pacchetti che variano in base alla durata dell’uso e ai periodi di fatturazione. Questi includono pacchetti completi con una scrivania fissa e accesso 24 ore su 24, 7 giorni su 7, nonché pacchetti ridotti a determinati periodi con una scrivania flessibile e liberamente selezionabile. La fatturazione è mensile, settimanale o giornaliera.

Sebbene anche gli spazi di coworking favoriscano la fidelizzazione a lungo termine dei clienti, la maggior parte dei pacchetti offerti dovrebbe consentire la risoluzione entro un mese. La maggior parte dei clienti vive su progetti a breve termine e non può pianificare bene solo per lunghi periodi di tempo.

Le stanze

Qui, gli spazi di coworking vanno in modo separato, a seconda che si rivolgano a un gruppo target ampio o specifico o alla specifica filosofia di lavoro che seguono. Se si desidera promuovere le interazioni, evitare stanze sovradimensionate ed evitare di separare gli elementi stanza, che forniscono aree per la ritirata. Altri spazi di coworking si basano su un deliberato mix di aree di interazione e di ritiro per lavorare in gruppo o nel tempo libero, in base al loro umore e alle loro esigenze. Chiunque faccia affidamento su grandi aree, che spesso consentono offerte a basso costo, dovrebbe raccomandare cquesto mix.

I negozi specializzati come la sezione di New York, d’altra parte, offrono ai loro scrittori solo posti di lavoro che bloccano il contatto visivo attraverso le partizioni. La scrittura senza compromessi è essenziale per loro e per una buona atmosfera lavorativa. I posti per discussioni comuni sono forniti solo nelle aree di interruzione. All’inizio, pensa a quali gruppi target ti stai concentrando. Non tutti si armonizzano tra loro.

Il nome

Nell’era dell’ottimizzazione dei motori di ricerca, molte start-up sono guidate dalla scelta del servizio e dai prodotti che offrono. BlaBlaOffice non è diverso. Soprattutto, finora sono stati stabiliti tre diversi tipi di nome.

La variante più ovvia, ma anche più noiosa è la combinazione di “coworking” e la città in cui si trovano le stanze. Può essere usato come sottotitolo – o come titolo provvisorio per gruppi di progetti – per iniziare il primo spazio di coworking. Per lo spazio di coworking stesso, tuttavia, il nome sembra intercambiabile, arbitrario e offre scarso valore di riconoscimento. È difficile da proteggere, il che può aiutare le controversie successive, soprattutto perché la combinazione può essere utilizzata da altri come sottotitoli. Questo soffre della ricerca su Google. Se uno capisce la sua arte nella programmazione e nel marketing, si trova con varianti piuttosto nitide.

Il secondo tipo sceglie combinazioni di parole che si riferiscono a un luogo con in qualche modo nuovi ideali di lavoro, senza essere troppo ideologico. Questi includono esempi come IndyHall, Citizen Space, The Hive o Betahaus. Il fatto che abbiano rinunciato al termine “spazio di coworking” nel loro nome, da un lato semplicemente perché hanno spesso iniziato come primo o secondo in un concetto di coworking nella loro regione – e hanno sentito il termine solo dopo l’apertura per la prima volta , Allo stesso tempo, i nomi più sono memorabili, più trasmettono una nuova attitudine al lavoro e, se necessario, sono più facili da proteggere. È interessante notare, tuttavia, che anche le catene più grandi tra loro fanno finora poco uso di questa possibilità.

Il terzo tipo si riferisce non solo allo spazio di lavoro, ma anche al luogo effettivo sotto forma di nomi di strade, numeri civici o riferimento storico precedente. Il consiglio è un termine semplice, leggermente incoerente e concettuale che non è già utilizzato da altri venti spazi di collaborazione per evitare successive controversie sui nomi. Un buon nome da solo non garantisce il successo economico.

L’inizio

Le porte si aprono e i colleghi si precipitano automaticamente, questo malinteso soccombe all’inizio a molti fondatori: “Non l’apertura dello spazio di lavoro è il primo passo, ma la costruzione di una comunità”, afferma Alex Hillmann di IndyHall.

Se ciò richiede troppo tempo, l’apertura sarà collegata a un evento rilevante del gruppo target che si svolge contemporaneamente. Questo è stato seguito dal Cubo di Londra, che ha stretto una partnership con il festival del design locale e ha fornito il proprio spazio come spazio espositivo durante questo periodo. Da un lato, hanno sostenuto la comunità locale. D’altra parte, hanno aumentato la consapevolezza del loro gruppo target in breve tempo. Workshop, incontri di coworking e altri eventi legati al settore sono importanti strategie in vista di e dopo l’apertura, per stabilire le proprie stanze con i clienti desiderati.

Non sorprende che contenga anche un buon lavoro di stampa. Come primo spazio di coworking nel tuo paese, dovresti assolutamente attenerti alle grandi newsletter. Il primo nella tua città sarà sufficiente per alcuni articoli sulla stampa locale. Più questi spazi sono aperti, più difficile è annunciare ripetutamente la fine dell’ufficio tradizionale. Tuttavia, la maggior parte dei giornalisti è nell’ufficio open space e la radio è sopravvissuta alla televisione e a Internet. Ci devono essere nuove storie.

Il lavoro

Il consiglio più ovvio ma più importante viene dagli spazi di coworking già falliti . Come dimostrano chiaramente i numerosi suggerimenti, tali spazi richiedono almeno una o due persone a tempo pieno per gestire un grande gruppo senza conflitti e in modo affidabile.

Come progetto secondario, la creazione di uno spazio di coworking è adatta solo se l’operazione ha senso integrare i tuoi altri lavori, ad esempio beneficiando delle reti risultanti e con le tue conoscenze puoi adattarti bene ai futuri utenti. Senza conoscere le esigenze del gruppo target e senza contatti regolari con lei, quasi nessuno può gestire uno spazio di coworking in modo permanente.

Ed in più le nostre Guide:

Impianto elettrico

Guide legali e fiscali assicurazione

Realizzazione interni

Rete e server